Shop

Rivista Gennaio-Marzo 2022

7,99

Il mondo dell’ispezione del lavoro a 360°.
La rivista di novità, casi, analisi e approfondimenti su lavoro, contributi e sicurezza.

I contenuti di questo numero di Verifiche e Lavoro:

  • Tecnica dei ricorsi: La misura proporzionale della sanzione amministrativa.
  • Il caso: Il responsabile di fatto dell’illecito amministrativo.
  • Appunti: Occultamento di contributi e prescrizione; evento d’infortunio solo se violento; e molto altro.
  • Nero su bianco: Ravvedimento operoso solo per l’evasione contributiva.
  • Punti e spunti: Regolarità contributiva anche con inadempimenti formali.
  • In sicurezza: Violazioni sulla sicurezza, rischi di sospensione per datori di lavoro e committenti.
  • Tematiche: Dipendenti e autonomi alla prova della regolarità (articolo gratuito estratto dalla rivista).
  • Outline: Le reazioni dell’ordinamento al lavoro irregolare.
  • Usi e abusi: Dichiarazioni dei lavoratori (ancora) prova principale nelle ispezioni.
ACQUISTA


TORNA AI NUMERI PRECEDENTI
Categoria:

Il mondo dell’ispezione del lavoro a 360°.
La rivista di novità, casi, analisi e approfondimenti su lavoro, contributi e sicurezza.

 

 

I contenuti di questo numero di Verifiche e Lavoro:

  • Tecnica dei ricorsi: La misura proporzionale della sanzione amministrativa.
  • Il caso: Il responsabile di fatto dell’illecito amministrativo.
  • Appunti: Occultamento di contributi e prescrizione; evento d’infortunio solo se violento; e molto altro.
  • Nero su bianco: Ravvedimento operoso solo per l’evasione contributiva.
  • Punti e spunti: Regolarità contributiva anche con inadempimenti formali.
  • In sicurezza: Violazioni sulla sicurezza, rischi di sospensione per datori di lavoro e committenti.
  • Tematiche: Dipendenti e autonomi alla prova della regolarità. (articolo gratuito estratto dalla rivista).
  • Outline: Le reazioni dell’ordinamento al lavoro irregolare.
  • Usi e abusi: Dichiarazioni dei lavoratori (ancora) prova principale nelle ispezioni.

 

La nota del Direttore | Mauro Parisi

L’esercizio dei poteri concessi dall’ordinamento all’ispezione del lavoro, si sta, non solo rafforzando, ma anche centralizzando.
Nella logica delle azioni virtuose a cui sono condizionati gli ingenti aiuti dell’Unione Europea al nostro Paese, la lotta alle evasioni e a riaffermare la legalità nelle attività produttive sospinge naturalmente verso un’unica cabina di regia nazionale. Che non può evidentemente che essere quella statale e, per emanazione, parastatale. Tanto accade con l’agenzia di vigilanza, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro.
Può allora non sorprendere che sembrino superarsi alcuni -almeno fino a oggi- indiscussi limiti caratterizzanti la materia della “tutela e sicurezza del lavoro”. Per cui, secondo la lettera della nostra Costituzione, sussisterebbe legislazione concorrente tra Stato e Regioni, con queste ultime chiamate espressamente alla “potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato”.
Ma se per la salute e sicurezza sul lavoro, dopo la normativa, di principio e di dettaglio, concessa allo Stato, vengono conferite agli organi ispettivi nazionali le medesime competenze dei funzionari delle Aziende sanitarie, è palese che ci si trova al cospetto di un’evoluzione dell’organizzazione delle forze e delle dinamiche dei controlli.
Scelte. Che si aggiungono a quelle di garantire agli ispettori strumenti di reazione più penetranti che in passato, in ogni ambito e settore.

Indice

  • Tecnica dei ricorsi: La misura proporzionale della sanzione amministrativa.
  • Il caso: Il responsabile di fatto dell’illecito amministrativo.
  • Appunti: Occultamento di contributi e prescrizione; evento d’infortunio solo se violento; e molto altro.
  • Nero su bianco: Ravvedimento operoso solo per l’evasione contributiva.
  • Punti e spunti: Regolarità contributiva anche con inadempimenti formali.
  • In sicurezza: Violazioni sulla sicurezza, rischi di sospensione per datori di lavoro e committenti.
  • Tematiche: Dipendenti e autonomi alla prova della regolarità (articolo gratuito estratto dalla rivista).
  • Outline: Le reazioni dell’ordinamento al lavoro irregolare.
  • Usi e abusi: Dichiarazioni dei lavoratori (ancora) prova principale nelle ispezioni.

Leggi un articolo

Dipendenti e autonomi alla prova della regolarità.

Con la Legge di conversione del Decreto Fiscale, sono previsti nuovi adempimenti per le collaborazioni autonome occasionali. 

di Barbara Broi

In sintesi:

  • L’art. 14, T.U. Sicurezza novellato, stabilisce la sospensione dell’attività nel caso di lavoro dipendente o autonomo irregolare pari al 10% degli occupati
  • La nuova previsione intende superare eventuali perplessità interpretative e rendere più agevoli i controlli ispettivi cautelari e i provvedimenti di sospensione
  • Affinché il lavoro autonomo occasionale sia considerato in regola, occorre una preventiva comunicazione all’Ispettorato del Lavoro competente, via sms o email
  • In caso di omissione della denuncia del lavoro autonomo non abituale, il committente è sanzionabile con una somma prevista tra gli € 500 e € 2500

Leggi l’articolo cliccando qui

[V@L – Verifiche e Lavoro n. 1/2022]

Accedi

Password dimenticata?

Creare un account?

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.